LP (Long Play)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
LP-OLGA_cirqAnalogique

OLGA_ cirqAnalogique (FR)

13 – 26 settembre 2021 | Sala polivalente di Arvier | Residenza artistica

24 settembre 2021 | Sala polivalente di Arvier | Uscita di cantiere

LP (Long Play)

Descrizione

LP (Long Play) è un mondo altro, visuale e acustico, celato dietro la maschera della quotidianità; un portale attraverso il quale riescono a filtrare i nostri sogni e le nostre paure. Un tempio millenario in cui l’errore viene celebrato, lasciando spazio alla fragilità umana. Fili, software, scarpe col tacco e barbe. Corpi in tensione, giochi di luci e suoni, discorsi politici, cellulari e icone pop. All’alba dell’apocalisse, Long Play è un grido di resistenza che celebra le generazioni del nuovo millennio.

LP (Long Play) is a visual and acoustical underworld hidden behind the mask of everyday life; an escape gate through which our dreams and fears pass. A millennial temple in which we can celebrate the error; open a gap of human fragility. Wires, software, high-heeled shoes and a beard. The bodies strain under tricks of light and sound, political speeches, cellphones and pop icons. On the eve of the apocalypse, Long Play is a cry of resistance that pays tribute to the generation of the new millennium.

Biografia

OLGA_cirqAnalogique nasce a Tolosa alla fine del 2017, fondendo le variegate esperienze dei componenti della compagnia, Catalina Aguayo e Alejandro Dutra, e il frutto della loro formazione professionale presso il Circus Arts Center di Tolosa, “Le Lido”, durante la quale Catalina ha creato l’assolo al trapezio che fa da base allo show “Long Play”.

OLGA_ cirqAnalogique first started in Toulouse between late 2017 and early 2018, drawn from the material each of us had worked on during our last year at the Lido. Long Play takes two universes which exist one inside of the other; what we are and the community we are part of.

Catalina Aquayo – trapezista e project manager

Catalina Aguayo si è avvicinata alle arti circensi a Montevideo, dopo essere stata una ginnasta per 10 anni. A 19 anni ha iniziato a studiare le arti circensi all’Università di San Martin a Buenos Aires, concludendo il percorso di studi nel 2011. Subito dopo si è unita alla compagnia “La Arena”, con la quale si è esibita in numerosi show e in un tour dell’America latina. Ha studiato Flying Low, Contact Improvisation e tecnica Butoh con maestri del calibro di Lucas Condirò, Eugenia Estévez e Gustavo Lecce.

Nel 2013 ha iniziato la sua formazione professionale presso il Circus Arts Center di Tolosa, “Le Lido”, fino al 2017. Insieme a Marcos Expòsito, è co-creatrice della compagnia “Tanka” in Uruguay, nata con il supporto del National Scenic Arts Institute (INAE) e dichiarata oggetto di interesse culturale dall’Education and Culture Office (Uy). Nel 2017 e 2018 ha lavorato per la compagnia francese “L’Éolienne” e si è unita al progetto “Mammouth” della compagnia “La June”. A partire dal 2008 lavora come insegnante, ha condotto numerosi workshop in diverse nazioni del mondo. Attualmente gestisce il Laboratorio Annuale per Acrobati Aerei per la cooperativa “La Bonita” a Barcellona e accompagna numerosi progetti emergenti come occhio esterno.

Trova la sua ispirazione nel movimento trans-femminista e nella comunità LGBT, che considera la sua famiglia. In seguito ha creato un personaggio androgino e barbuto, crocifisso, sensibile e tormentato, che propine una nuova definizione di umano. Ciò che la muove è il suo bisogno di mostrare la sua parte più queer, allontanandosi dagli stereotipi femminili per difendere un altro ideale e offrendo una riconciliazione con l’unicità dell’individuo.

Catalina Aguayo – trapeze artist and project manager

She started circus in Montevideo, after having been a gymnast for 10 years. At the age of 19 she started the diploma in circus arts at the University of San Martin, in Buenos Aires, where she graduated in 2011. In 2011-12 she joined the company “La Arena”, with which she performed various shows and a Latin-American tour. She studied Flying Low, Contact Improvisation and Butoh technique with masters such as Lucas Condró, Eugenia Estévez and Gustavo Lecce. In 2013 she started her professional training at the Circus Arts Center in Toulouse, “Le Lido”, finishing the diploma in 2017.In 2016 she co-created the company “Tanka” in Uruguay, together with Marcos Expósito, with the support of the National Scenic Arts Institute (INAE), and declared of cultural interest by the Education and Culture Office (Uy). In 2017 and 2018 she worked for the French company “L’Éolienne”, and she joins the project “Mammouth”, from La June compagnie. She has worked as a teacher since 2008. She has conducted workshops in several countries around the world. Currently she manages the Annual Laboratory for aerial artists from Cooperativa La Bonita, Barcelona, and accompanies several projects of emerging creation, as an external eye. 

It is during her professional insertion year at the Lido that she created the trapeze solo which serves as the basis for OLGA’s show. She finds her inspiration on the trans-feminist movements and on the LGBT community which she considers her family and her ground zero. She then created an androgenic and bearded character, crucified, sensitive and tormented, that comes to propose another definition of human. She is moved by the need to show her most hidden queer part, moving away from the female stereotypes to defend another ideal, and offering reconciliation with the uniqueness of individuals.

Alejandro Dutra – giocoliere, musicista e project manager

Musicista e compositore dall’età di 12 anni, Alejandro ha seguito vari percorsi di educazione musicale in Uruguay, imparando a cantare e a suonare la batteria e la chitarra. A partire dal 2015 si è concentrato sulla ricerca musicale sperimentale ed elettronica, componendo con Ableton Live e mixando vinili. Attualmente sta studiando produzione musicale con Jorge Gamarra a Barcellona.

Ha iniziato a giocolare a 17 anni a Montevideo. Nel 2009 ha iniziato un lungo viaggio attraverso l’America del Sud, durante il quale ha sviluppato la sua tecnica di giocoleria e acquisito esperienza scenica. Nel 2011 ha iniziato una vera e propria formazione in giocoleria a Buenos Aires, con Pablo Petaso. Tra il 2014 e il 2015 ha proseguito la sua formazione presso la Scuola di Circo di Lione, dove ha studiato con Julien Clément e Olivier Burleaud. Tra il 2015 e il 2018 ha completato il suo percorso di studi al Circus Art Center di Tolosa, “Le Lido”.

OLGA è l’opportunità per Alejandro di fondere insieme le sue due passione: circo e musica. Alejandro ha dedicato la maggior parte del suo anno finale a Le Lido alla ricerca del suono della quotidianità. Il suo interesse si focalizza sull’amplificazione dei dettagli della vita umana, per creare un incontro sonoro tra pubblico e artista. Usando microfoni sospesi o sul pavimento, mangianastri, aste da microfono deformate che manipola con il suo corpo e la sua voce, vuole creare universi visivi e acustici.

Alejandro Dutra – juggler, musician and project manager

Musician and composer since the age of 12, Alejandro followed various paths of musical education in Uruguay learning drums, guitar and singing. Since 2015, he has focused his musical research on electronic and experimental music, composing in Ableton Live and mixing vinyls. He is currently studying musical production with Jorge Gamarra, in Barcelona. 

He starts juggling at the age of 17, in Montevideo. In 2009 he began a long trip across South America through which he developed his juggling technique and gained stage experience. In 2011 he began formal juggling training in Buenos Aires, with Pablo Perasso. He continued his training at the Lyon circus school between  2014 and 2015, where he trained with Julien Clément and Olivier Burleaud. Between 2015 and 2017, he completed the professional diploma at the Circus Art Center of Toulouse, Le Lido, and in 2018, the professional insertion.

OLGA is the opportunity for Alejandro to continue blending his two passions: circus and music. Alejandro devoted most of his final year at the Lido to the search of the sound of daily things. His interest is to amplify the details of human life; to produce the sound encounter between the audience and the artist. With microphones in the air or on the ground, cassette players, misshapen microphone stands which he manipulates with his body and his voice; he wants to create live visual and acoustic universes.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram

Pagina Facebook

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a utilizzare questo sito accetti l’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.